Cimitero Flaminio

L’architetto del Cimitero Flaminio, detto anche di Prima Porta, si chiama Elena Luzzatto, anconetana, madre della corrente razionalista italiana. Classe 1900, è conosciuta anche come la prima donna italiana laureata in Architettura presso la Regia Scuola Superiore di Architettura di Roma. A 25 anni, trova prontamente lavoro presso l’Ufficio Tecnico della capitale e porta a termine numerosi progetti quali alcune decorazioni funerarie del Cimitero del Verano (1928), il mercato coperto di Piazza Principe di Napoli (oggi Piazza Alessandria), a Napoli (1935), il Cimitero di Prima Porta (1945), il mercato di Primavalle (1950), la scuola media di Villa Chigi (1960).

napoli mercato piazza alessandria luzzatto

Mercato al coperto di Piazza Principe di Napoli (oggi Piazza Alessandria), Napoli, opera dell’arch. E. Luzzatto, 1935.

Il Cimitero Flaminio è considerato un capolavoro di architettura cimiteriale contemporanea. Per percorrere tutti i suoi 140 ettari bisogna attraversare trentasette chilometri di viali interni che portano ai reparti delle diverse confessioni religiose (cattolica, evangelica, ebraica e islamica) e alle rispettive chiese e templi: la Chiesa Cattolica dedicata a San Michele Arcangelo, il Tempio israelitico e la Cappella polacca. Di ultima creazione è il Giardino dei Ricordi, un’area collinare di tre ettari di collina dedicata alla cremazione e alla dispersione delle ceneri.

cimiteroflaminiopianta

Pianta del Cimitero Flaminio

Il Cimitero è sito nella periferia nord di Roma, fra la Flaminia e la Tiberina, vicino la stazione di Montebello della ferrovia Roma-Civitacastellana-Viterbo.

Il progetto originario prende spunto dall’idea dei giardini orientali, vere e proprie anticipazioni del Paradiso divino: la pianta si adegua al territorio collinare e lungo i declivi, con disposizione semicircolare si trovano i vari reparti del luogo sacro.

All’interno del Cimiterio Flaminio troviamo:

  • l’area archeologica della Villa romana del 25 a.C. circa;
  • il Cimitero di Montebello già luogo di sepoltura dal 1888;
  • il Monumento ai partigiani Jugoslavi inaugurato il 22 settembre 1978.

Tra i personaggi famosi sepolti nel Cimitero Flaminio-Prima Porta ricordiamo: Enrico Berlinguer, Rossano Brazzi, Renato Carosone, Enzo Cerusico, Gino Cervi, Luigi Comencini, Franco Cristaldi, Carlo Dapporto, Elena Fabrizi (Sora Lella), Amintore Fanfani, Ileana Ghione, Aldo Giuffré, Sylva Koscina, Tommaso Maestrelli, Pupella Maggio, Corrado Mantoni (in arte Corrado), Domenico Modugno, Umberto Nobile, Paolo Panelli, Elio Petri, Alberto Rabagliati, Ezio Radaelli, Renato Rascel, Nora Ricci Stefania Rotolo, Gigi Sabani, Aroldo Tieri, Bice Valori, Stefano Vanzina (in arte Steno), Elena Vitiello (in arte Francesca Bertini).

Orari:
dal 1° ottobre al 31 marzo 7.30-18.00 e d al 1° aprile al 30 settembre 7.30-19.00

Informazioni Utili:
Via Flaminia Km 14,400
Ispettorato: 06.33613362

E’ utile sapere che:
L’ingresso è consentito sino ad un’ora prima della chiusura
Trasporti: linee C1 – C2 – C3 – C4 – C5 – C6 – C7 (C3 – C4 – C5 – C6 – C7 sabato e domenica servizio all’interno del Cimitero)

Sito Internet Ufficiale:
Cimitero Flaminio
Galleria di Foto.

logo ABC2

impara divertendoti

 

ABC SIKELIA è una casa editrice no profit che da dieci anni si concentra su Progetti Educational, in particolare nel settore dell'Arte, della Storia e della Cura della Mente, del Corpo e dello Spirito. Pubblica anche ebook e app per promuovere le bellezze della Sicilia. Gli iscritti al Club ABC godono di sconti, libri in regalo e spedizione gratuita.

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!